Comunu de Pramantellu Ofìtziu de sa Lìngua Sarda

:: Dìcius

 

Custus dìcius ddus apu pigaus de meda lìburus chi chistionant de is Sardus e de sa Sardinnia, scioberendiddus de manera personali. Est una arregortade de pìndulas de sabiesa sarda, chi agatant cunfirma in su bivi nostu de donnia di’ (E.C.).

  • S’òmini bonu fueddat a faci e pari – L’uomo onesto parla in faccia
  • Gennaxu sicu, messaju arricu. Gennaxu proinosu, messaju priogosu – Gennaio secco, contadino ricco, Gennaio piovoso contadino misero
  • Su trigu de martzu no ddu messas artu – Il grano di Marzo non tagliarlo alto
  • Chi bolis binu in carrada, in martzu puda – Se vuoi vino in botte, pota di marzo
  • De pressi e beni, no andant imparis – In fretta e bene, non vanno insieme
  • Su caminu crutzu imbeciat su burrincu – La strada corta fa invecchiare l’asino
  • In domu de su ferreri, schidoni de linna – In casa del fabbro c’è lo spiedo di legno
  • Fora de coru, fora de pensamentu – Lontano dal cuore, lontano dal pensiero
  • A chini dda fait dda pensat – Chi commette un’azione l’ha studiata
  • Fortza paris – Avanti insieme
  • Su molenti sardu ddu frigas una borta sceti – Il somaro sardo lo imbrogli una volta sola
  • No s’agatat faulànciu chen’‘e testimòngius – Non vi è bugiardo senza testimoni. Le bugie hanno le gambe corte
  • Sa cosa cota no torrat crua – Ciò che è cucinato non torna mai crudo
  • Cunfida in totus e fidadi’ de pagus – Confida in tutti e fidati di pochi
  • Òmini tostorrudu no pensat de morri – L’uomo ostinato non pensa che deve morire
  • S’òmini faulànciu ddu tenint in pagu cuntzetu – L’uomo bugiardo è tenuto in poco conto
  • A s’òmini giustu no ddi sutzedit mali – All’uomo giusto non gli accade del male
  • Is òminis funt cumenti is pillonis – Gli uomini sono come gli uccelli
  • Òmini bonu e òmini malu no andant impari mai – Uomo buono e uomo cattivo non vanno mai insieme
  • Chi unu no callat ciorbeddu a bint’annus, no ndi callat prus – Chi non mette giudizio a vent’anni, non  maturerà più
  • Mellus terra chen’‘e pani, chi no terra chen’‘e giustesa – Meglio un paese senza pane, che un paese senza giustizia
  • Giustesa pronta, vengàntzia fata – Giustizia pronta, vendetta fatta
  • Pustis de sa giustìtzia benit sa morti – Dopo l’apparato repressivo viene la morte
  • Su giustu est po totus – La giustizia è per tutti
  • S’òmini de pagu passièntzia bessit che binu de duus – L’uomo di poca pazienza diviene come il vino di bassa qualità
  • Sa faci narat chini est s’òmini – Dal viso si conoscono gli uonini
  • Mellus unu amigu bonu chi no unu parenti malu – Meglio un buon amico che un cattivo parente
  • Amigu fidau, teniddu pretziosu – Non perdere un’amico fidato
  • Po connosci un’amigu beni, nci depis papai impari unu sacu de sali – 1. Per conoscere bene un’amico bisogna frequentarlo per anni, fino ad aver mangiato insieme una tale quantità di alimenti che per condirli c’è voluto un sacco di sale. – 2. Gli amici si vedono durante le vicende sgradevoli.
  • Mellus unu amigu acanta chi no unu parenti aillargu – Meglio un amico vicino, che un parente lontano
  • Sa pobidda de su furoni ponit sa sartànnia chen’‘e petza – 1. La moglie del ladro mette la padella al fuoco prima che ci sia la carne. – 2. Si dice di chi fa castelli in aria
  • S’amori nou nci bogat su bèciu – L’amor nuovo caccia il vecchio
  • De amigus est mellus a ndi tenni in domu de su buginu puru – È bene avere degli amici anche a casa del boia
  • Traballu chi no serbit, traballu macu – Lavoro che non arreca utilità, lavoro pazzo, fatica sprecata per il corpo e per lo spirito
  • Su traballu fatu cun su coru, Deus dd’agradessit – Il lavoro fatto con il cuore è gradito a Dio.
  • Traballu sighiu bincit dònnia cosa – Il lavoro assiduo vince ogni cosa
  • Sa cosa agatada, Deus dd’at mandada – Ciò che viene trovata, è stato mandato da Dio
  • Sa cosa antiga abarrat de prus – La roba antica dura di più
  • Sa cosa furada abarrat pagu, comenti est benia si ndi andat – Ciò che è stato dura poco, e come viene se ne va
  • Sa cosa imperada meda, si spàciat e s’arrogat – Ciò che si usa molto, si consume e si rompe
  • Fèmina arrisulana, o est maca o est vana – La donna che ride sempre, o è pazza o est poco seria
  • Fèmina tabacosa, fèmina vitziosa – Donna che prende tabacco, donna viziosa

Su giustu

  • Fueddai pagu, sabiesa meda – Chi è molto saggio parla poco
  • Sa cuscientzia est cumenti su chirighitu, ddu est chini ddu timit e chini nou – La coscienza è come il solletico, vi è chi lo teme e chi no
  • A cosa fata no balit a si ndi pentiri – Fatta qualcosa non serve pentirsi
  • Innantis pensa, agoa messa – Prima pensa poi agisci
  • Nisciunus est furoni fintzas a candu no ddu cassant – Nessun ladro è tale fino a che non è scoperto
  • Chini circat is corrus de is atrus, ddus pigat issu – Crescono le corna a chi cerca quelle altrui
  • In d-unu monti fait a intrai, in su coru de s’òmini nou – All’interno di un monte si può entrare, nel cuore di un uomo no
  • Leis medas, pòpulu miseru – Molte leggi, popolo misero

Lialidadi e onori

  • Su sanguini no est àcua – Il sangue non è acqua
  • Sa mala fama impicat s’òmini – La cattiva fama strangola l’uomo

Famìllia e aredeu

  • Sa fèmina barrosa, sbregungiat su pobiddu – La donna arrogante svergogna il marito
  • Pobiddu susuncu, mulleri furona – Marito tirchio, moglie ladra
  • Pobiddu mortu ndi fait sciusciai sa domu, fillu mortu ndi segat su coru e atrupelliat sa menti – Marito morto fa crollare la casa, figlio morto spezza il cuore e sconvolge la mente
  • Is crupas de su babu e de sa mama ddas prangint is fillus – Le colpe dei genitori le piangono i figli
  • A sa tialla e a sa mulleri acostadi beni – Alla tavola e alla moglie accostati bene
  • Mellus pani nieddu in domu pròpia, chi pani biancu in domu de atrus – Meglio pane nero in casa propria, che pane bianco in casa d’altri
  • Mellus patata in domu mia chi no petza in domu allena – Meglio patate in casa mia che non carne in casa d’altri
  • Brigas tra fradis, briga de canis – Lite di fratelli, lite di cani

Traballu e arti

  • Ses andau allu e ndi ses torrau cibudda – Sei andato che eri una persona e sei tornato cambiato
  • Nisciunu nascit imparau – Nessuno nasce istruito
  • Chi tenit un’arti, tenit una parti – Chi ha un’arte ha una parte
  • Manus de oru, conca de linna – Mani d’oro, testa di legno
  • Chini sighit duas lèpuris, no ndi aciapat mancu una – Chi insegue due lepri non ne acchiappa nessuna

Naturali  e sotziedadi

  • Fèmina langia, corriatza – Donna magra, resistente
  • A bentu in favori, donniunu est bonu a naviai – Col vento in favore, ognuno sa navigare
  • Cani mudu, castiadì is cambas – Cane che non abbaia morde
  • Arriu mudu, strasinadori – Il ruscello tranquillo trascina le cose
  • Ómini baulosu, mesu macu – Uomo bavoso, mezzo pazzo
  • Chi bolis aparessi giòvonu, faidì sa braba manna – Se vuoi apparire giovane, fatti la barba ogni giorno
  • Fintzas su molenti tenit is virtudi suas – Perfino l’asino ha la sua virtù
  • Chini bolit fai totu su chi bolit, perdit totu su chi tenit – Chi vuole fare tutto ciò che desidera, perde tutto ciò che ha
  • S’àcua annudat dònnia cosa, foras chi su machìmini – L’acqua cancella ogni cosa fuorchè la pazzia
  • S’àrburi trotu no s’adderetzat prus – L’albero storto non si raddrizza più
  • Su mraxani at fatu votu de scendiai unu conillu, ma candu at biu su fillu fiat mraxani su pròpiu – I genitori non possono pretendere che i figli siano diversi da loro
  • Chini lassat su miu, mi est amigu – Chi non tocca le mie cose è mio amico

Su fadu

  • Nisciunu si narat biau, chen’‘e de essi sepurtau – Nessuno sia detto beato prima di essere sepolto
  • Lei e no pena est su morri – La morte è un fatto naturale e non ci si può ribellare
  • Sa morti no tenint ogus – La morte non guarda in faccia a nessuno
  • In su mortoxu, nci si ghetamt is corbus – Sulla carogna si avventano i corvi
  • In su morri e in su nasci  seus totus  agualis – Nel morire e nel nascere tutti siamo uguali
  • A prangi e arriri, tocat de di’ in dì’ – Bisogna piangere e ridere  di giorno in giorno
  • Est su distinu chi currit e no is cuaddus – Nessuno può essere più forte del destino
  • Donniunu bivit segundu su distinu suu – Ognuno vive secondo il suo destino
  • Passant is annus e nisciunu si ndi acatant – Gli anni passano e nessuno se ne avvede
  • Pregaus po proi e fait bentu – Invochiamo la pioggia e invece soffia il vento
  • Unu si coiat in d-una ora e prangit totu sa vida – Per sposarsi basta un’ora ma poi  si piange tutta la vita
  • Po imbelliri abisongiat a sunfriri – Bisogna soffrire, per imbellire

Atrus dìcius

  • Saludi e libertadi no nc’est oru chi ballat – Salute e libertà non hanno prezzo
  • In domu de s’impicau, no nomenai sa corda – In casa dell’impiccato non nominare la corda
  • Chini sèminat spinas no depit andai scrutzu – Chi semina spine non vada scalzo
  • S’àcua fait s’òmini sàbiu – L’acqua rende l’uomo saggio
  • Su fueddu passat comenti su càschidu – La parola passa come lo sbadiglio
  • Piga tempus cun sàbiesa- La fretta è cattiva consigliera
  • Candu Deus no bolit, is santus no tenint poderi – Ubi major, minor cessar
  • Balit prus sa sperièntzia chi no sa scientzia – Vale più l’esperienza della scienza
  • A su bèciu no ddi dispraxiat de morri, fiat dispraxiu de no sciri – Al vecchio non dispiaceva di morire, dispiaceva di non sapere
  • Àcua a su meloni e binu a is macarronis- Ogni cosa al suo posto
  • A chini dd’ant cunsillau mali, est unu cunsilleri bonu meda – Chi è stato male consigliato, è ottimo consigliere